Tag: espositori

Cappereti storici aperti a Selargius. Visita a cura della Comunità del Cibo del Cappero Selargino sabato 20 e domenica 21 maggio 2017

In occasione di Monumenti Aperti(R) a Selargius (CA), nel fine settimana di sabato 20 e domenica 21 maggio 2017, dalle 16 alle 19, sarà possibile visitare i campi storici con i tipici capperi Selargini, in Località Serriana de Baxiu (subito dopo il ponte antico di Via San Martino, sulla destra lungo l’argine del Rio Nou): “le visite al cappereto illustreranno la storia del recupero di un’antica tradizione che caratterizza il paesaggio del territorio selargino, rendendolo unico in Sardegna”, come descrive la brochure su Selargius (scaricabile) e sui suoi luoghi delle visite.

Curerà le visite Marco Maxia, referente della Comunità del Cibo di Slow Food del Cappero Selargino, produttore di prelibati capperi tipici di Selargius e agricoltore con lo spirito del ricercatore, che dal 2000 ha ripreso la produzione, con mille difficoltà, del prezioso vegetale che insaporisce molti piatti con la propria azienda Il Cappero Selargino dei capperi sotto sale o sott’aceto, oltre alla crema di capperi e il paté di capperi, che si sposano ai tanti utilizzi gastronomici: pizze, primi piatti, carni e pesci, insieme a crostini e stuzzichini perfetti per gli aperitivi. (Web: www.ilcapperoselargino.it)

Un vero gesto d’amore per la conservazione ed il recupero di una preziosa bio-diversità agricola, quello di Marco Maxia e della sua famiglia, che ha contagiato altri agricoltori selargini con l’entusiasmo di dare valore ad un prodotto diverso dai capperi industriali: i suoli calcarei dell’agro intorno a Selargius, infatti, sono perfetti per questa delicata infiorescenza, di cui consumiamo sia i boccioli o fiori non ancora schiusi (i capperi veri e propri), che i frutti (cucunci o capperoni) nelle versioni sotto sale marino o in una salamoia sotto aceto, perché conservino il sapore, i profumi e la croccantezza che le mani degli agricoltori curano nella raccolta  tra maggio e giugno.

L’utilizzo del cappero in Sardegna – in cucina e nella medicina popolare – risale almeno alla seconda metà del Settecento; nel Cagliaritano nella prima metà dell’Ottocento sembra venisse usato per stimolare l’appetito. Attualmente i coltivatori del cappero sono concentrati a Selargius, dove predomina una varietà ad alberello di grande bellezza e interesse etnobotanico, naturalistico e alimentare. Nell’agro selargino vi sono diverse piante centenarie, spesso e a lungo abbandonate a se stesse negli spazi rurali tra un quartiere e l’altro della cittadina, che hanno portato ad un serio lavoro di recupero e valorizzazione come bene colturale e culturale della comunità locale, riportando oggi il 95% dei cappereti in produzione (erano solo il 5% nel 200). I coltivatori di Selargius crescono le piante spesso accanto a mandorli, olivi, altri alberi da frutto, filari delle viti, e usano gli alberelli anche come marcatori di confini poderali.

I capperi selargini sono boccioli dal peso inferiore a quelli siciliani, ma offrono un gusto e sapori inimitabili che devono essere conosciuti ed apprezzati, marcando l’enorme differenza da quelli industriali. Nelle tradizioni, infatti, venivano venduti a “misura” e non a peso, proprio per dare il giusto valore a questa eccezionale bio-diversità. Si tratta di una coltura dura, assolutamente biologica, con basse rese per pianta (uno splendido cespuglio verde alto fino a 150 cm), che prevede un raccolta esclusivamente manuale e che deve essere fatta nel giro di pochi giorni, prima che i boccioli (capperi) si schiudano nei fiori meravigliosi ma dalla vita di una sola giornata (vedete la sequenza di foto qui sotto, prese nel giro di poche ore). Dopo la fioritura, la pianta genera i frutti o capperoni, raccolti sempre a mano per poi essere lavorati immediatamente sotto un buon sale marino ed una salamoia di aceto.

20170520_16262120170520_17152620170520_18154120170520_18340220170520_19460420170520_162624capperone20170520_171538

Lancio di Orti, Arti e Giardini 2017 a Primavera in Giardino, Milis (OR), 11-12 marzo 2017

Sarà una presentazione verde, ricca di profumi e colori dei fiori primaverili, quella della Rassegna biennale Orti, Arti e Giardini, che Slow Food Cagliari organizza a Cagliari, presso il Parco della Musica, per i prossimi 14 e 15 ottobre 2017.

Giunta alla sua 3^ edizione, è un appuntamento per scoprire e apprezzare le bellezze del verde e dei paesaggi, i valori della sostenibilità e del recupero di varietà vegetali antiche o abbandonate, i sapori delle erbe aromatiche ed officinali, come anche tutte le proprietà straordinarie per la salute di cereali, legumi, ortaggi, frutta, erbe e tutti i prodotti che da queste derivano. L’evento di Slow Food Cagliari, grazie alla collaborazione con il Comune di Cagliari, che lo ha inserito fra i suoi eventi identitari, animerà ancora una volta, con i colori delle piante e dei fiori e dei sapori, la splendida cornice del Parco della Musica, accanto al Teatro Lirico di Cagliari. Tutte le informazioni sul sito speciale http://www.ortiartiegiardini.it/

Il programma è in fase di definizione e verrà presentato a breve, ma una colorata anticipazione si terrà sabato 11 e domenica 12 marzo all’interno della rassegna, ormai storica amica di Slow Food, Primavera in Giardino, organizzata a Milis (OR) nella splendida location di Villa Pernis in Via Sant’Agostino, dall’Associazione culturale LANDPLANTS SARDINIA nata per promuovere e diffondere in Sardegna, la cultura del verde e del paesaggio per uno sviluppo ecosostenibile, che vuole valorizzare le potenzialità del territorio, con i suoi giardini naturali e antropizzati, mediante la sinergia tra tradizione agro-pastorale, arte del giardinaggio e discipline come l’architettura del paesaggio e la tutela del verde e dell’ambiente. Info, orari, come arrivare e programma sul sito http://www.primaveraingiardino.it/

Saranno due giornate per il giardino in Sardegna, con esposizioni, consigli e curiosità garantite dai vivaisti specializzati, riuniti nella Vega di Milis, tradizionale giardino della Sardegna con i suoi aranceti storici.

L’attesissima manifestazione culturale del verde in Sardegna, è organizzata dall’Associazione Culturale LANDPLANTS SARDINIA con la collaborazione del Comune di Milis, e raduna in due giorni tutto il fervore del mondo piante, giardino, orto e frutteto. Per garantire la continuità di questa manifestazione per la Sardegna e per affrontare le spese di un tale evento, con la speranza di migliorarlo sempre di più, l’ingresso alla mostra sarà a pagamento. Il biglietto giornaliero è di € 2,00. I bambini entrano gratis. Gli orari di apertura sono dalle 10 alle 18.

Tutti i dettagli sul programma sono disponibili alla pagina http://www.primaveraingiardino.it/index.php?option=com_content&view=article&id=92&Itemid=614. Il Tema speciale dell’ edizione 2017 è “L’ incredibile mondo delle  piante grasse : impariamo ad usarle  nel giardino sardo.”

Molti saranno i Laboratori per i più piccoli e per i grandi, accompagnati da mostre, conferenze e dibattiti o chiacchierate e qualche assaggio :-)

La Mostra – mercato di piante insolite sarà, come sempre, il cuore della manifestazione, con oltre 50 espositori che rappresentano il vivaismo specializzato di ben 9 regioni di Italia e Francia.

Tutti gli espositori presenti sono elencati alla pagina http://www.primaveraingiardino.it/index.php?option=com_content&view=article&id=91&Itemid=613

In questa edizione di Primavera in Giardino sarà ospitata, per la prima volta, KAKTOS, edizione speciale primaverile de La Festa del Cactus che si svolge a Bologna ogni settembre. KAKTOS è ritenuta la più autorevole e importante manifestazione di piante grasse da collezione in Italia. Sarà presente a Primavera in Giardino una rappresentanza di circa 10 espositori italiani e stranieri.

VERSIONE2017_OK_web

primavera in giardino 11-12 marzo 2017 Milis